IL BLOG DI BEPPE SUMMO: MUSICA, MATRIMONI E DINTORNI

I dettagli nel contratto

Su quali clausole prestare attenzione quando si esamina un contratto con la sala ricevimenti?

Quando avrete fra le mani il contratto della sala ricevimenti, munitevi di carta e penna per gli appunti, prestate attenzione alle clausole riguardanti musica e intrattenimento.

Alcune sale ricevimenti, infatti, oltre a menu faraonici e giardini incantevoli, pensando di fare cosa gradita agli sposi, tentano di imporvi un Dj a voi sconosciuto e, il più delle volte, impreparato. Il tutto per battere cassa.

Il mio consiglio di fronte a questo genere di servizio è di rifiutarlo: non accettate la clausola “musica imposta”. Perché? Per almeno 2 ragioni.

Prima di tutto, la musica non rientra nei servizi della ristorazione. In caso contrario, si parlerebbe di discoteca, balera o sala da ballo con le relative autorizzazioni e concessioni. La musica e il Dj sono “aggiunti” da alcuni ristoratori per dare l’illusione di una struttura che offra servizi a 360° e sollevi gli sposi da scelte su presunti dettagli irrilevanti.

In realtà, l’unico scopo è aumentare il profitto quanto più possibile, spremere economicamente i propri clienti senza curarsi delle loro esigenze e dei loro desideri .

Una prova di quanto affermo? Normalmente, un Dj imposto dalla sala ricevimenti costa intorno ai 1.000 euro. Vi siete mai chiesti quanti di questi soldi vadano al DJ e quanti al ristoratore? Ve lo dico io: il 10% va al DJ, il resto è tutto profitto per il ristoratore. In altre parole, voi pagherete 1000 euro per un DJ sprovveduto che ne vale solo 100.

Inoltre, con il suo Dj, il ristoratore può gestire la tempistica del matrimonio a suo piacimento. Cosa vuol dire? Immaginate che dopo di voi, nella stessa sala, ci sia un secondo ricevimento: per non ritardare l’inizio di quest’ultimo, il ristoratore ordinerà al suo Dj di accorciare i tempi dedicati al ballo.

In aggiunta, la musica non rientra nelle competenze di un ristoratore che si dovrebbe occupare di carni, vini, amari, dolci ma, sicuramente, non di brani musicali, in grado di emozionarvi. A ognuno, il suo: i fiori al fiorista, le foto al fotografo, l’abito all’atelier. Per la musica, affidatevi ad un professionista esperto.

Questo mi porta alla seconda ragione.

I Dj che tentano di rifilarvi sono ragazzini inesperti, messi lì per arrotondare la paghetta del fine settimana. Spesso si tratta di giovanissimi alle prime armi, ingaggiati per compleanni e feste in campagna. In altri casi, si tratta di incompetenti che si cimentano nei matrimoni a tempo perso.

Vale la pena di rischiare così? Può il vostro ricevimento essere abbandonato alle mani di un avventuriero?

Nel post “Uno alla volta per carità” ho svelato i due elementi fondamentali su cui basare la scelta finale per la sala ricevimenti perfetta: l’unicità dell’evento e l’eccellenza della musica.

Se desiderate che il vostro ricevimento sia indimenticabile, battetevi per una musica eccellente: non affidatevi a uno strimpellatore da cantina, non cedete alle insistenze di un ristoratore che vuole imporre la sua musica per un mero tornaconto personale.

Prestate attenzione al contratto, quindi: verificate la presenza di eventuali clausole riguardanti la musica e l’intrattenimento e scegliete il vostro musicista professionale. Niente compromessi, niente imposizioni.

Fate la vostra musica!
E… ricordate, finché c’è musica, c’è vita!

Nel prossimo post svelerò un’altra clausola su cui prestare attenzione al momento di firmare il contratto con la sala ricevimenti.

Cosa ne pensate dei ristoratori che offrono anche servizio Dj e intrattenimento? Vi è mai capitato di assistere ad un ricevimento rovinato da un Dj inesperto? Raccontate la vostra esperienza!

Questo articolo è stato inviato nelle categorie: Firmare il contratto perfetto, Musica, Sala ricevimenti: un matrimonio senza brutte sorprese, Vademecum and tagged , , , , , . Questo permalink ti permetterà di ritrovare sempre questo articolo.

Questo blog è uno spazio per condividere, liberamente e senza filtri, esperienze e ricordi sul mondo dei matrimoni. Fatelo vostro e prendetevene cura con responsabilità, per guidarne le sorti.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Post a Comment

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>